Scienze dello sviluppo e della cooperazione internazionale (interfacoltà) [classe LM-81]
cod. 14521


Curricula
 

Orari lezione: II anno

Il curriculum in Comunicazione, innovazione e sviluppo è caratterizzato dall’acquisizione degli strumenti per la comunicazione dei processi di sviluppo, delle attività delle ONG e degli organismi internazionali. Il curriculum in Politiche di cooperazione è caratterizzato da un’elevata offerta formativa nei campi della cooperazione internazionale, della storia delle relazioni internazionali e peace-keeping, dei diritti umani e della cittadinanza politica. Il curriculum in Sviluppo e cooperazione di carattere economico-finanziario è caratterizzato da un’elevata offerta formativa nei campi delle organizzazioni internazionali, della politica economica internazionale e dei mercati finanziari, della finanza allo sviluppo e delle politiche per lo sviluppo sostenibile. Questo corso di laurea magistrale nasce in risposta all’esigenza di formare nuove figure professionali in grado di comprendere, valutare e gestire le sfide di carattere sociale, economico e culturale, che caratterizzano la nostra epoca. Le competenze e gli strumenti di analisi necessari a chi vuole operare in questi settori devono essere fondati su vaste conoscenze multidisciplinari sviluppate in un’ottica fortemente internazionale. Per rispondere a queste nuove sfide, le Facoltà di Economia, Scienze della Comunicazione, Scienze Politiche, Scienze Umanistiche e Lettere hanno istituito - a partire dall’a.a. 2009/10 – un unico corso di laurea magistrale interfacoltà nella Classe LM 81 (Scienze per la Cooperazione allo Sviluppo). La Laurea Magistrale in Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione internazionale offre conoscenze avanzate delle discipline sociologiche, economiche, politologiche, storiche e giuridiche e fornisce strumenti operativi per l’analisi e l’interpretazione delle forme sociali, economiche, giuridiche ed istituzionali che caratterizzano i paesi in via di sviluppo e per la valutazione e gestione dei processi di cooperazione internazionale. Il Corso fornisce una conoscenza approfondita delle metodologie usate dagli organismi di cooperazione multi e bilaterale per l’elaborazione di programmi e progetti di cooperazione ed alle missioni di pace. I laureati nella Laurea Magistrale in Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione internazionale, per la fisionomia multidisciplinare, potranno svolgere funzioni dirigenziali e di elevata responsabilità nella pubblica amministrazione, presso le organizzazioni nazionali ed internazionali, anche non governative, presso società private nel campo della cooperazione allo sviluppo, del volontariato e del terzo settore, nonché presso istituzioni educative e della cooperazione sociale e culturale fra paesi a diverso livello di sviluppo. Essi potranno altresì fornire consulenza specializzata ed attività di progettazione ed operare presso Enti di ricerca e studio nel campo dello sviluppo umano e sociale e del capacity and institution building e/o accedere a percorsi formativi avanzati nel campo delle scienze sociali.


Conoscenze richieste per l' accesso
L’accesso al Corso di laurea magistrale interfacoltà in Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione internazionale della classe delle lauree magistrali LM-81 Scienze per la cooperazione allo sviluppo è subordinato al possesso dei requisiti curriculari ed alla verifica della conoscenze acquisite. Al Corso possono accedere i laureati nei corsi di laurea L-37 (o ex Classe 35). Possono altresì essere ammessi i laureati in altri corsi di laurea purché abbiamo maturato, nei rispettivi corsi di laurea,  almeno 90 CFU nei settori scientifico disciplinari (SSD) compresi negli ambiti disciplinari di base e caratterizzanti previsti dall’ordinamento della laurea triennale L-37.  Tali CFU devono risultare distribuiti negli ambiti di base e caratterizzanti nei limiti massimi previsti per ciascuno di essi dall’ordinamento. Per gli studenti che non raggiungano i 90 CFU sarà compito dell’Area didattica, in base all’esame dei singoli curricula, verificare le eventuali affinità di CFU conseguiti nei SSD non presenti nell’ordinamento, per un massimo di 18 CFU complessivi.
18-27 CFU nei SSD:
SECS-P/01 – Economia politica
SECS-P/02 – Politica economica
SECS-S/01 – Statistica
12-27 CFU nei SSD:
M-DEA/01 Discipline demoetnoantropologiche
M-STO/02 Storia moderna
M-STO/03 Storia dell’Europa orientale
M-STO/04 Storia contemporanea
SPS/06 Storia delle relazioni internazionali
SPS/08 Sociologia dei processi culturali e comunicativi
15-27 CFU nei SSD:
IUS/09 Istituzioni di diritto pubblico
IUS/21 Diritto pubblico comparato
SPS/02 Storia delle dottrine politiche
SPS/04 Scienza politica
12 CFU nei SSD:
L-LIN/04 Lingua e traduzione – lingua francese
L-LIN/07 Lingua e traduzione – lingua spagnola
L-LIN/12 Lingua e traduzione – lingua inglese
18-27 CFU nei SSD:
IUS/13 Diritto internazionale
SECS-P/01 Economia politica
12-18 CFU nei SSD:
INF/01 Informatica
M-GGR/01 Geografia
M-GGR/02 Geografia economico-politica
12-18 CFU nei SSD:
SPS/04 Scienza politica
SPS/07 Sociologia generale
SPS/08 Sociologia dei processi culturali e comunicativi
15-18 CFU nei SSD:
M-DEA/01 Discipline demoetnoantropologiche
SECS-S/04 Demografia
M-PSI/05 Psicologia sociale
SECS-S/03 Statistica economica
L’accesso al corso è per tutti subordinato alla verifica delle conoscenze acquisite. Tale verifica consiste nella valutazione del voto di laurea, con il quale è stato conseguito il diploma triennale, che non potrà essere inferiore a 90/110. Nel caso in cui detto parametro non risulti soddisfatto sarà compito dell’Area Didattica sottoporre il candidato ad un colloquio per verificarne l’idoneità all’ammissione al corso di laurea magistrale. La procedura di accesso alla verifica sarà disciplinata dall’Ateneo.



Presidente del corso di laurea magistrale Prof. Biagini Antonello Folco