Prof. Valter Curzi valtercurzi@hotmail.com  Associato 2010-2011 
Dip. di Storia dell'arte e dello spettacolo 
Corso di studi in Scienze Storico Artistiche 
Ricevimento:  Istituto di Storia dell'Arte, martedì, ore 15.00
Avvisi:  
Moduli 2010/2011:
Storia dell'arte moderna   II A   LM  
Storia dell'arte moderna   II   LT  

Elenco unificato dei moduli:
2009/2010 - 2010/2011
Curriculum:
Valter Curzi è nato a Ostra Vetere (AN) e si è laureato presso l’Università degli Studi di Urbino nel 1986. Ha completato la sua formazione nell’Università di Roma “La Sapienza”, dove si è specializzato in Storia dell’Arte Medievale e Moderna (1996) e nell’Università di Perugia dove ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Storia dell’Arte Moderna (2003). Da gennaio 2005 è Professore Associato di Storia dell’Arte Moderna presso la Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università di Roma “La Sapienza”, dove negli anni precedenti ha tenuto a contratto gli insegnamenti di Catalogazione informatica dei beni storico-artistici e di Legislazione artistica sia nel Corso di Laurea, sia nella Scuola di Specializzazione di Storia dell’arte Medievale e Moderna. E’ membro del Collegio dei Docenti del Dottorato in Storia dell’Arte presso la Facoltà suddetta. I suoi studi sono orientati, in particolare, a indagare i rapporti tra centro e periferia nell’ambito della storia dell’arte, così come nel settore della tutela e della conservazione del patrimonio culturale. Secondo tale indirizzo, egli ha contribuito al rinnovamento degli studi sull’arte romana del Settecento indagata, in particolare, nel rapporto con i committenti dei centri periferici dello Stato Pontificio. In tale ambito ha inoltre curato la mostra dedicata a Domenico Corvi (1998), significativo protagonista dell’ambiente artistico romano della seconda metà del Settecento. Del contesto pontificio ha inoltre studiato a fondo il tema della salvaguardia del patrimonio monumentale e artistico tra Ottocento e Novecento analizzandone i dettati legislativi, le modalità operative, il dibattito culturale, facendo nel contempo emergere l’apporto di figure istituzionali di rilievo quali Giovanni Battista Cavalcaselle, Adolfo Venturi e Corrado Ricci. Con la cura della mostra Venezia: la tutela per immagini. Un caso esemplare dagli archivi della Fototeca Nazionale (2005) ha inoltre fornito un contributo metodologico inedito nello studio della tutela del patrimonio artistico nazionale documentata visivamente attraverso il repertorio fotografico storico dell’ex Direzione Generale per le Antichità e le Belle Arti. Di recente ha indirizzato le sue ricerche nell’analisi di Roma come centro cosmopolita della formazione artistica tra Seicento e la prima metà dell’Ottocento. In tale ambito si colloca la mostra che sta attualmente curando Roma e l’antico. Realtà e visione nel ‘700 che inaugurerà a Roma nel mese di novembre 2010.