Archeologia e storia dell'arte greca e romana L-ANT/07 A.A. 2009-2010
Eugenio  La Rocca eugenio.larocca@uniroma1.it
Ricevimento: martedì h. 11.00-13.00 (eccetto il periodo delle lezioni [6 ottobre-5 novembre] durante il quale il ricevimento si terrà invece nel seguente orario: martedì, mercoledì e giovedì h. 14.00-15.00)
avvisi:  
La pittura in età romana: alcune linee di sviluppo.  
cfu ex270   6 cfu ex509    
   LM   primo semestre
descrizione ex270 La perdita della grande pittura greca nel suo complesso non deve essere d’impedimento per conoscere ed apprezzare quanto di meglio è stato prodotto in età romana; è anzi l’occasione per esaminare più compiutamente le opere pittoriche superstiti cercando di riflettere sulle continuità formali. Era la pittura la forma artistica prediletta dai greci, ancora più della scultura: eppure, di essa si è preservato pochissimo. Del tutto perdute sono le opere della grande pittura dei maestri greci (Polignoto, Parrasio, Zeusi, Apelle), di un livello così alto da essere apprezzate anche a Roma e pagate autentiche fortune. Anche dei più famosi pittori romani si sono salvate solo labili tracce. Di pochi di essi conosciamo i nomi: Studius (o Ludius) esperto nella pittura di paesaggi, e Fabullus (o Famulus), autore della decorazione pittorica della Domus Aurea di Nerone. Malgrado ciò, la ricca documentazione romana superstite, per lo più a carattere decorativo, ma non priva di altissimi picchi, ci permette di avere un quadro abbastanza preciso sull’evoluzione dell’arte pittorica dalla Grecia a Roma. Colori in tutte le loro sfumature, ombre e luci, rapporto tra figura umana e paesaggio, tecniche pittoriche che passano da una resa grafica e precisa di tutti i dettagli ad una tecnica più veloce, a “macchia” (detta anche “compendiaria”), capace di raggiungere con poche e rapide pennellate un effetto quasi “impressionistico” : sono i risultati finali – i soli meglio conosciuti grazie alle scoperte di Pompei, di Ercolano, di Stabia, di Roma stessa, e dell’Egitto con i magnifici ritratti detti del Fayyum – di una cultura artistica che si evolve nel tempo senza soluzione di continuità, e senza perdere il contatto con i grandi maestri del passato.
descrizione ex509
bibliografia ex270 Il testo base per la parte generale è il seguente: Storia Oxford dell’Arte Classica, a cura di John Boardman, Bari, Laterza 1995. T. Hölscher, Il mondo dell’arte greca, Torino, Einaudi, 2008. P. Zanker, Arte romana, Bari, Laterza, 2008. T. Hölscher, Il linguaggio dell’arte romana. Un sistema semantico, Torino, Einaudi, 1993 (seconda edizione 2002). Per un approfondimento dei temi discussi durante le lezioni: Roma. La pittura di un impero, a cura di E. La Rocca, S. Ensoli, S. Tortorella, M. Papini, catalogo della mostra, Roma 2009, Milano, Skira 2009. E. La Rocca, Lo spazio negato. La pittura di paesaggio nella cultura artistica greca e romana, Milano, Electa, 2008. La frequenza al corso è consigliata. Per coloro che non hanno frequentato, oppure per un ulteriore approfondimento dei temi, si propongono le seguenti letture: S. Settis, F. Donati, Le pareti ingannevoli. La Villa di Livia e la pittura di giardino, Milano, Electa, 2002. P. Zanker, Immagini mitologiche nelle case pompeiane, in: Un’arte per l’impero. Funzione e intenzione delle immagini nel mondo romano, Milano, Electa 2002, pp. 112-132. Mario Torelli, Il nuovo affresco di “arte popolare” dell’agro Murecine, in Ostraka XV, 1, 2006, pp. 135-154. S. Wyler, Programmi dionisiaci nelle case pompeiane come riflesso della società, in Ostraka XV, 1, 2006, pp. 155-163.
bibliografia ex509

 

valutazione
note dopo le lezioni, o per appuntamento via e-mail
orario e luoghi lezioni
Lunedi, mercoledi e giovedi, dalle 15 alle 17 nel Museo dell’Arte Classica, Aula del Partenone. Inizio delle lezioni: lunedi 9 novembre 2009.
Archeologia e storia dell'arte greca e romana L-ANT/07 A.A. 2009-2010
Eugenio  La Rocca eugenio.larocca@uniroma1.it
Ricevimento: martedì h. 11.00-13.00 (eccetto il periodo delle lezioni [6 ottobre-5 novembre] durante il quale il ricevimento si terrà invece nel seguente orario: martedì, mercoledì e giovedì h. 14.00-15.00)
avvisi:  
La cultura artistica a Roma in età tardo-repubblicana.  
cfu ex270   6 cfu ex509    
   LM   secondo semestre
descrizione ex270 La trasformazione della cultura artistica a Roma a seguito delle conquiste romane nel Mediterraneo e dell’arrivo di artisti e poeti dalla Grecia. Confronto tra le due culture, greca e romana. Avvio della trasformazione urbanistica della città in rapporto al suo nuovo ruolo di capitale di un grande impero. Interventi di magistrati, a seguito dei loro trionfi, nella realizzazione di nuovi e costosi monumenti pubblici. Lotta per immagini tra i grandi personaggi della tarda repubblica romana (Mario e Silla; Pompeo e Cesare). Il lusso nelle grandi residenze dei magistrati romani fuori Roma. Statue di culto greche nei templi romani.
descrizione ex509
bibliografia ex270

I testi base per la parte generale sono i seguenti:

Storia Oxford dell’Arte Classica, a cura di John Boardman, Bari, Laterza 1995.

T. Hölscher, Il mondo dell’arte greca, Torino, Einaudi, 2008.

P. Zanker, Arte romana, Bari, Laterza, 2008.

T. Hölscher, Il linguaggio dell’arte romana. Un sistema semantico, Torino, Einaudi, 1993 (seconda edizione 2002).

 

Per un approfondimento dei temi discussi durante le lezioni:

Roma. L’età della conquista, a cura di E. La Rocca, catalogo della mostra, Roma 2010.

T. Hölscher, Monumenti statali e pubblico, Roma, L’Erma di Bretschneider, 1994.

 

 

La frequenza al corso è consigliata. Per coloro che non hanno frequentato, oppure per un ulteriore approfondimento dei temi, si propongono le seguenti letture:

E. La Rocca, “Graeci artifices” nella Roma repubblicana: lineamenti di storia della scultura, in: I Greci in Occidente, catalogo della mostra, Venezia 1996, pp. 607-626, Milano, Bompiani, 1996.

F. Coarelli, Revixit ars. Arte e ideologia a Roma. Dai modelli ellenistici alla tradizione repubblicana, pp. 15-84, 258-279, 327-359, Roma, Quasar, 1996.

bibliografia ex509
valutazione
note Il modulo è rivolto agli studenti dei corsi di laurea specialistica (biennale). Sono previste visite nei musei della città per esaminare direttamente le principali opere d’arte discusse durante le lezioni. E’ previsto un seminario per i laureandi sul tema “Crotone e il suo territorio”.
orario e luoghi lezioni
Lunedi ore 12-14 aula C; mercoledi e giovedì ore 12-14 aula B. Sede: ex Vetreria Sciarra. Periodo: II semestre - I fascia. Data di inizio: 1 marzo 2010.
Archeologia e storia dell'arte greca e romana L-ANT/07 A.A. 2009-2010
Eugenio  La Rocca eugenio.larocca@uniroma1.it
Ricevimento: martedì h. 11.00-13.00 (eccetto il periodo delle lezioni [6 ottobre-5 novembre] durante il quale il ricevimento si terrà invece nel seguente orario: martedì, mercoledì e giovedì h. 14.00-15.00)
avvisi:  
Lineamenti di arte greca.  
cfu ex270   6 cfu ex509    
   LT   primo semestre
descrizione ex270 Si intende offrire agli studenti un quadro di riferimento complessivo sulla nascita e sull’evoluzione della cultura figurativa greca, dalle origini all’ellenismo, con un’analisi critica delle correnti artistiche. Si esamineranno più compiutamente i differenti modi di costruzione del corpo umano, a partire dalle immagini dei kouroi in età arcaica fino alle statue lisippee di atleti, la costituzione dei canoni di bellezza artistica, e la loro enorme importanza per l’evoluzione dell’arte occidentale, l’utilizzo della scultura per la decorazione di grandi monumenti pubblici (templi, edifici funerari, stoai).
descrizione ex509
bibliografia ex270

Per i frequentanti:

Storia Oxford dell’Arte Classica, a cura di John Boardman, Bari, Laterza 1995.

T. Hölscher, Il mondo dell’arte greca, Torino, Einaudi, 2008.

T. Hölscher, Il linguaggio dell’arte romana. Un sistema semantico, Torino, Einaudi, 1993 (seconda edizione 2002).

P. Zanker, Arte romana, Bari, Laterza, 2008.

 

La frequenza al corso è consigliata. Per coloro che non hanno frequentato, oppure per un ulteriore approfondimento dei temi, si propongono le seguenti ulteriori letture:

I Greci. Storia, cultura, arte, società, 2, Una storia greca II. Definizione, Torino, Einaudi, 1997, più specificamente i seguenti articoli:

T. Hölscher, Immagini dell’identità greca, pp. 191-248.

M. Schmidt, Iconografia del mito, pp. 867-896.

L. Giuliani, Il ritratto, pp. 983-1011.

A. H. Borbein, La nascita di un’arte “classica”, pp. 1275-1303.

bibliografia ex509
valutazione
note dopo le lezioni, o per appuntamento via e-mail
orario e luoghi lezioni
Lunedi, mercoledi e giovedi, dalle ore 15 alle ore 17 nel Museo dell’Arte Classica, Aula del Partenone. Inizio delle lezioni: lunedi 5 ottobre 2009.